banner_PAL_2
01

Scenario

E’ sempre più difficile redigere il Bilancio di un Comune.

I trasferimenti dello Stato sono ormai molto limitati e le imposte dirette rappresentano sostanzialmente il 100% delle entrate.

Il rigore e i tagli non bastano più: sono necessarie maggiori risorse proprie.

La pressione fiscale del Comune aumenta.

Per questo l’Ufficio Tributi deve essere organizzato e dotato di strumenti, risorse economiche e umane adeguate per acquisire un livello di conoscenza e di aggiornamento delle Banche Dati, oggi fondamentale per garantire la necessaria trasparenza ed equità fiscale ai cittadini.

Effetti

La gestione dei tributi per l’amministrazione rappresenta un’attività importante e delicata, che richiede tempo, esperienza, risorse qualificate e un’organizzazione sostanziale dedicata.

Gli elementi di criticità legati alla gestione dei tributi sono sostanzialmente legati a tre fattori:

  • L’aggiornamento delle basi dati, che diventa strumento di gestione, pianificazione e analisi
  • Il confronto contino con il Contribuente (che punta a depotenziare il contenzioso, creando un modello di “fiscalità equa e trasparente”)
  • Gli strumenti e le informazioni a disposizione dell’Ufficio e del Contribuente
03
02

Obiettivi

Informare il Contribuente e supportarlo nella corretta applicazione dei tributi. Garantire al Comune le entrate necessarie, operando con correttezza e trasparenza.

Aumentare l’equistà fiscale, diminuire il tax gap*, limitando l’evasione, l’elusione e gli insoluti. Limitare il ricorso ad aumenti generalizzati (paga di più già paga). Depotenziare il contenzioso.

Creare una Base Dati strutturata, strumento necessario a supporto della gestione e della pianificazione. Definire un modello organizzativo e gli strumenti necessari alla migliore gestione dei tributi.

*il tax gap è la differenza tra il gettito teorico catastale e il gettito effettivo, pari a circa 4,2 miliardi di euro/anno (IMU/TASI – dato nazionale – fonte Agenzia delle Entrate)

I nostri Punti di Forza

L’approccio che utilizziamo ha l’obiettivo di definire:

  • Una base dati aggiornata costantemente.
  • Strumenti di interazione con i Cittadini.
  • Una corretta definizione della base imponibile.

Un approccio tradizionale prevede un intervento «una tantum» finalizzato alle verifiche, che al termine dell’attività lascia al Comune un archivio tributario «statico», senza particolari benefici sull’organizzazione e sull’operativà.

04